Shock e rabbia a Catania per l'arresto di un sottufficiale della Guardia di Finanza, accusato di concussione. Il militare è stato bloccato dopo avere ricevuto una tangente da un avvocato che lavora per un'azienda oggetto d'inchiesta, al quale aveva chiesto dei soldi per evitare di coinvolgerlo nelle indagini. In totale il "bottino" era stato di 5 mila euro.

Il legale, del tutto estraneo alla vicenda giudiziaria, ha denunciato l'episodio ai carabinieri che hanno avviato accertamenti, conclusosi con l'arresto. L'indagato adesso è rinchiuso in isolamento nel carcere di piazza Lanza.