A distanza di 24 ore dal ritrovamento del cadavere di Nicolò Conti a Punta Bianca (Agrigento), sono ancora tanti gli interrogativi cui dare risposta. Il 30enne era scomparso da circa due settimane prima del ritrovamento e, al momento, non è esclusa alcuna ipotesi per dare una spiegazione al suo decesso.

Verrà effettuata oggi l'autopsia, un esame fondamentale per fare chiarezza. In un primo momento si era pensato a un suicidio, ma il canneto dove è stato trovato il giovane sembrava essere intatto, quindi potrebbe non essere precipitato volutamente (né accidentalmente). La salma era in avanzato stato di decomposizione

La denuncia della scomparsa era stata formalizzata dai familiari nella giornata di martedì scorso e mercoledì è avvenuto il ritrovamento.