Sembrano sculture realizzate dalle mani dell’uomo, invece sono dei veri e propri monumenti della natura di cui la Sicilia è ancora piena; magari “nascosti” tra le campagne, ma pare siano comunque oltre seicento gli alberi ultrasecolari di varie specie ancora presenti nella nostra regione. Ma siccome siamo a Novembre e dalle nostre parti è tempo di raccolta delle olive vogliamo parlarvi proprio di questo nobile ed antico albero  che ancora si coltiva in gran parte delle nostre campagne. Per vederne però proprio di belli e maestosi vi invitiamo a recarvi a Chiaramonte Gulfi in provincia di Ragusa dove l’olivicoltura ha radici antichissime è dove pare esistano ancora esemplari di olivi secolari piantati addirittura dai saraceni oltre 1000 anni fa! – Le campagne e le strade di Chiaramonte sono in questo periodo “impregnate” dall’inconfondibile profumo dell’olio, che qui ha il marchio DOP della Comunità Europea; profumo che emana intenso dai tanti trappiti della zona che, se pur modernizzati, perpetuano ancora un rito ultrasecolare. Ed aiutati quindi dai versi dialettali che seguono proviamo allora a fare anche noi un salto indietro nel tempo per rivivere antiche atmosfere agresti  quando le campagne siciliane brulicavano di uomini e donne intenti proprio nella raccolta delle olive.

di Nando Cimino

Tempu d’alivi

Ancora è scuru e partinu chi scali.

‘Ncampagna vannu a cogghiri l’alivi;

sunnu a pperi o supra li carretti

e ancora abbuttunati hannu li giacchi.

Puru  n’Sicilia è ormai fridda la matina,

finu a quannu lu suli nun l’adduma.

E’ novembri lu misi di li morti,

e lu mmernu tuppulia già a li porti.

L’arvuli ‘mpunenti su tutti carricati,

e comu oru l’aliva su ‘mpinnuti.

Virdi pi l’ogghiu o pi duci passuluna

quannu su abbunnanti è sempri na furtuna.

Arrivinu, appoinu li scali,

e poi all’arvulu duninu mazzati;

cu ligna tisi sbattinu li rami

e cari l’aliva, gioia pi viddani.

‘Nterra li fimmini su misi a ginucchiuni,

e cogghinu lesti ‘ntissennu li manu;

 fatiannu passa prestu la jurnata,

‘ntra canti, cunti e na povira manciata.

Stancu lu suli pi lu munti s’alluntana,

mentri bianca ‘ncelu spunta ggià la luna.

Li cianchi oramai su propriu rrutti,

ma pi ddi sacchi chini cuntenti sunnu tutti.

Torninu cu scuru cu li muli e li carretti,

ca lenti vannu pi lu pisu forti.

A lu trappitu cc’è ggià gran cunfusioni

e profuma l’ogghiu ‘ntà li giarri chini.

E’ tardu, s’astutinu li luci.

Viva l’alivu, arvulu di paci !