Gennaio sta per salutarci ed ecco arrivare febbraio che, così come tutti i mesi dell’anno, porta con se tanti proverbi.  Sono in buona parte proverbi che appartengono alla civiltà contadina; proverbi o modi di dire legati al lavoro, alle stagioni, al raccolto. A volte, nelle lunghe sere invernali, seduti attorno al braciere si faceva a gara a chi ne conosceva di più; ed anche i bambini, istruiti dai nonni, partecipavano con interesse.  Ci si divertiva così.  Altro che televisione!

————————–

 

                                      Cu voli riccu lu granaru siminassi di frivaru

———————————-

Si a frivaru ci su trona l’annata nesci bona

————————————

Cu la soggira voli ammazzari o suli di frivaru a facissi quadiari

—————————–

Si a frivaru vola l’ariddu a marzu nivi e friddu

————————-

Frivaru cu lu ventu,  vecchi o campusantu

——————————-

Frivaru curtu e amaru, metti ligna o fucularu

—————————————-

Frivaru menzu duci e menzu amaru

———————————

Si frivaru veni amaru da iaddina fanni broru

———————————-

Frivaru cauru marzu iavuru

—————————–

Si frivaru è frivarazzu (cattivo) cerca focu, vinu e iazzu

———————————–

Frivaru nun finisci si la mennula un ciurisci

————————————–

Frivaru è curtuliddu comu un passu i picciriddu

—————————————