Un fine settimana di relax e divertimento si è trasformato in tragedia per i parenti e gli amici di Giovanni Bonaventura, ingegnere ennese morto sulle piste da sci di Sestriere. Uno shock per la sua città d'origine, che aveva lasciato dopo il diploma all'istituto industriale di Piazza Armerina per andare a Torino dove si è laureato al Politecnico con una specialistica su Ingegneria del cinema e dei mezzi di comunicazione nel 2012.

La salma di Giovanni, che avrebbe compiuto 32 anni il 4 aprile, era ieri ancora a disposizione del magistrato per il dissequestro e il trasporto a Enna per le esequie. A Torino il siciliano lavorava in una start-up come programmatore di modelli in 3D. Gli amici che stavano sciando con lui hanno spiegato che secondo loro non è stata una irresponsabilità a provocare l'incidente. Tanti i pensieri per lui apparsi sui social, come quello di un amico di nome Andrea, che ha scritto: «Sei stato una grande persona, un grande amico, un grande…».