Creare legami” è uno dei motti del Sole Luna Doc Film Festival ed è anche il nome della sezione del Festival dedicato a talk, incontri, connessioni con il mondo associativo. Evento di punta di questa 17esima edizione per Creare Legami è la presentazione in collaborazione con l’Institut Français e il Goethe Institut del progetto Navire Avenir con Sébastien Thiéry e diversi membri del Collettivo Perou in residenza a Palermo per riflettere sul tema delle migrazioni.

L’incontro apre alla Sala delle Verifiche del Complesso monumentale dello Steri, a partire dalle ore 19:00, il calendario di appuntamenti di domani 7 luglio. Partecipanno: Sébastien Thiéry, politologo, coordinatore di Perou (Pôle d’exploration des ressources urbaines) ed Elsa Ricq-Amour, terapeuta, moderati da Giulia De Spuches.

Avenir è il nome scelto per un catamarano progettato da artisti e architetti tra Marsiglia e Palermo per salvare e accogliere i migranti nel Mediterraneo. Un’imbarcazione lunga 67 metri e larga 22,5 metri, in grado di ospitare 372 sopravvissuti e 40 membri dell’equipaggio, una nave laboratorio in termini di cura, adatta a situazioni di grande pericolo con cucina d’emergenza e spazi di vita multiculturali. Ogni giorno, al largo del Mediterraneo, i soccorritori sono al lavoro per salvare la vita a uomini, donne e bambini. Più in generale Perou si impegna a fare inserire nelle liste del Patrimonio culturale immateriale dell’umanità questi gesti di soccorso, di cura, di benevolenza, di amicizia che hanno un valore enorme: tenere assieme l’umanità presente e quella futura.

Per la sezione dei film in gara in Cortile Steri alle 21:00 sarà proiettato in anteprima assoluta Mamme volanti di Giulio Tonincelli e Paolo Fossati (Italia 2022, 14′): un gruppo di donne, coraggiose e determinate, lotta per salvare il proprio territorio e i propri figli, svelando una nuova prospettiva da cui guardare il mondo.

Tra i film fuori concorso, alle 20:30 in cortile Abatelli, è in programma Dadalove di Chiara Agnello (Italia 2021, 57′) che racconta una compagnia teatrale molto speciale: Teatri Alchemici, formata da ragazzi affetti dalla sindrome di down e diretta dai registi siciliani Ugo Giacomazzi e Luigi di Gangi.

Alle 21:00, in Sala delle Verifiche, in collaborazione con l’Institut Français e il Goethe-Institut, sarà invece presentato in anteprima nazionale il film En Nous di Régis Sauder (Francia 2021, 100′): storia di un’insegnante e i suoi ex studenti che si ritrovano e fanno i conti con i sogni rivelati in un film 10 anni prima.

Infine, alle 22,30 nella sala del Cortile Steri: il lungometraggio della sezione Sicilia doc dedicato ai lavori dei giovani registi del CSC: Vie dell’Ombra di Anton Frankovitch (Italia 2021, 59′).

Alle 22,30 in Cortile Abatelli, infine, l’omaggio a Pier Paolo Pasolini. Lo sciopero dei netturbini, è il documentario inedito del regista ritrovato nel 2005: racconta il primo sciopero dei netturbini del 1970 e avrebbe dovuto far parte di un’opera collettiva. Il film non fu montato ed è stato ritrovato (senza audio) negli scaffali dell’Archivio del Movimento Operaio Democratico. Rivisitazione dello sciopero è un progetto audiovisivo di Cosimo Terlizzi e Luca Maria Baldini, presenti a Palermo. Re-interpreta il documentario di Pasolini ed è pensato per una sonorizzazione live. “Gli scopini” diventano il medium per le sue parole e per il celebre discorso di Moravia al suo funerale.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia