marte-295x300Su Marte era possibile la vita. Lo dimostrano i risultati delle analisi del suolo del pianeta rosso condotte dal robot laboratorio Curiositydella Nasa nel cratereGale, pubblicati in sei articoli sulla rivistaScience.

Le analisi indicano che circa 3,6 miliardi di anni fa il cratere Gale, dove Curiosity e’ arrivata il 6 agosto 2012, era un grande lago e ”un ambiente abitabile” capace di ospitare microrganismi chemiolitoautotrofi, capaci cioe’ di ottenere da rocce e minerali l’energia della quale avevano bisogno per vivere. Sulla Terra batteri simili vivono all’interno di grotte e nelle sorgenti idrotermali.