Continua la lotta contro le trivelle nel Canale di Sicilia, l’ecosistema più ricco di diversità biologica del Mediterraneo. L’Eni vuole trivellare al largo della costa tra Agrigento e Licata, presentando una valutazione dei rischi incompleta e superficiale. Ieri Greenpeace, associazioni locali e del settore pesca e l’assessorato all’Ambiente della Regione Siciliana hanno presentato osservazioni contrarie al progetto di un pozzo esplorativo.

[Continua la lettura dell’articolo]