Super batteri nella carne di pollo: le analisi effettuate su prodotti acquistati a Roma e a Milano hanno rivelato la presenza di batteri Escherichia coli resistenti agli antibiotici, in 25 campioni su 40. L'indagine è stata effettuata dall'associazione Altroconsumo, che ha aderito alla campagna "Basta antibiotici nel piatto" di Consumer International, che unisce le organizzazioni del consumatori di tutto il mondo. 

Ecco cosa riporta Today.it:

L’inchiesta di Altroconsumo ha fotografato il livello di salubrità della carne di pollo in distribuzione al consumatore in 20 punti vendita di Roma e altrettanti a Milano. I risultati ottenuti permettono di determinare il livello di resistenza attuale dei microrganismi agli antibiotici e di stimarne la resistenza in futuro, se non dovessero essere presi dei provvedimenti: il 19% dei batteri trovati è resistente alla Cefepime, antibiotico usato per curare le infezioni delle vie respiratorie e del tratto urinario. In futuro la resistenza potrebbe arrivare al 96%. I rischi e le conseguenze: se non si maneggia con cura e non si cuoce in modo adeguato la carne contaminata, i microrganismi resistenti potrebbero trasferire la loro forza ad altri batteri nel nostro organismo – magari più pericolosi – contro cui l’antibiotico potrebbe non essere più efficace.

I SUPER BATTERI: l’uso eccessivo di medicinali negli allevamenti, unito al sovrautilizzo degli antibiotici anche quando il medico curante non ne prescriva l’assunzione, fa sì che i batteri si fortifichino imparando a sopravvivere. Una resistenza che, a catena, si può trasferire ad altri batteri con il rischio che gli antibiotici, farmaci essenziali per la cura delle infezioni, perdano efficacia.  

Per proteggersi è necessario cuocere bene la carne, in modo da uccidere tutti i microrganismi, anche quelli che hanno sviluppato antibioticoresistenza. Bisogna, inoltre, lavarsi bene le mani, soprattutto prima e dopo aver toccato il cibo crudo, lavare bene stoviglie e ripiani che sono stati a contatto con la carne cruda. Non si deve mai mettere la carne cotta nel piatto in cui la si era appoggiata quella cruda, né accanto a frutta, verdure, o altre cose da mangiare crude.