L’ura sta rrivannu

lu nannu sta murennu

priparamuci u tabbutu

a stu pezzu di curnutu

 

        Così a Termini Imerese si cantilenava per le strade seguendo u nannu,  che la sera del martedì grasso veniva portato al rogo, in questa sorta di rito orgiastico che poneva fine al carnevale. Sarà così anche stasera, come d’altronde avviene in questa città ormai da circa 170 anni; prima del rogo però per bocca dell’ineffabile Notaro Menzapinna u nannu si prenderà la sua rivincita e, cosi come accadeva nell’antica Roma con il Testamentum Porcelli anche lui, personificazione ed espressione massima del carnevale, ne canterà quattro ai potenti, per vendicarsi delle malefatte subite dal popolo. Sarà la fine della festa e del caos sociale che il carnevale stesso intende rappresentare.  Dopo il bagno di folla di domenica nel centro storico della città bassa, stasera il centro della manifestazione sarà la grande Piazza del Duomo dove ancora, come elementi di scena, fanno bella mostra di se le due fontane del film “L’ora Legale” di Ficarra e Picone. Il sole che oggi splende in città è certamente foriero della buona riuscita della manifestazione che val la pena ricordare quest’anno, in totale assenza di fondi pubblici è stata fortemente voluta dal popolo termitano che a questa festa si sente indissolubilmente e storicamente legato. Oggi quindi sfilate di carri allegorici, gruppi mascherati e bande musicali; poi spettacolo in piazza con musica e cabaret e l’immancabile villaggio gastronomico con specialità per tutti i gusti all’insegna dell’allegria e del sano divertimento.