È entrata in esercizio la nuova stazione elettrica di Terna a Vizzini, in provincia di Catania, un’opera che permetterà di incrementare la capacità di trasmissione nell’area e consentire così il pieno sfruttamento dell’energia proveniente dai numerosi impianti di produzione di energia rinnovabile presenti.

Grazie al nuovo impianto sarà, inoltre, possibile aumentare la sicurezza degli scambi e ridurre le emissioni climalteranti. L’infrastruttura è stata collegata alla rete elettrica nazionale attraverso l’elettrodotto a 380 kV “Paternò-Chiaramonte Gulfi” e quattro elettrodotti aerei a 150 kV, il primo dei quali, denominato “Vizzini-Mineo“, è entrato in esercizio a inizio dicembre.

La stazione è stata equipaggiata con soluzioni tecnologiche all’avanguardia che permettono di migliorare l’efficienza del processo di trasformazione dell’energia e di ridurre il rumore generato.

Terna si impegnerà, inoltre, a eseguire una serie di interventi di mitigazione per migliorare l’inserimento dell’opera nel contesto territoriale. In particolare, i muri perimetrali e degli edifici di stazione avranno colorazioni specifiche in armonia con l’ambiente e nel rispetto delle prescrizioni ministeriali.

L’opera, per la quale è stato previsto un investimento di oltre 50 milioni di euro, è stata quasi interamente finanziata dal dipartimento Energia della Regione Siciliana attraverso il Programma Fesr Sicilia 2014-2020.

Il progetto è frutto di una lunga attività di confronto tra il Gestore della rete elettrica nazionale, la Regione Siciliana, le province e i Comuni coinvolti. Una volta ottenute tutte le autorizzazioni necessarie da parte dei ministeri competenti, i lavori sono stati avviati e, nonostante la complessità geomorfologica del sito, l’opera è stata completata in meno di due anni, in anticipo rispetto ai piani.

Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di SiciliaFan! Iscriviti, cliccando qui!

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati