«Se volete un breve riassunto del carattere di Catania, non guardare oltre la montagna cupa ed esplosiva che incombe su di essa: l'Etna. La città universitaria sulla costa orientale, affacciata sul Mar Ionio, può essere intensa, caotica e bellissima»: queste le parole di Kevin Rushby e Rachel Dixon, giornalisti del "The Guardian", prestigioso quotidiano britannico. Gli autori dell'articolo indicano proprio Catania come la migliore città alternativa d'Europa.

Nel centro della città «si trova un vecchio quartiere pieno di torri e piazze, patrimonio dell'Unesco, reliquia di una baldoria costruttiva nel XVIII secolo, quando Catania stava cercando di superare la sua rivale, Palermo. La Piazza del Duomo è il fulcro; altri punti salienti includono il Teatro Massimo Bellini, una produzione sontuosa come qualsiasi opera di Bellini – l'uomo stesso era un ragazzo locale. Eppure il vero must-see non è per niente storico, ma il tumultuoso mercato del pesce, che si svolge ogni mattina nei giorni feriali».

«Prendete posto in uno dei ristoranti circostanti e assaporate il piatto tipico della città, la pasta alla norma (con pomodori e melanzane), dal nome, naturalmente, di un'opera di Bellini». Ed ancora, il giornale si sofferma anche sulla «spiaggia sabbiosa a sud della città fiancheggiata da lidi e discoteche». L'articolo, infine, fornisce anche una serie di consigli pratici per i viaggiatori, spiegando come arrivare e dove dormire.