Hai spesso difficoltà a ricordare il giorno della settimana? Non preoccuparti, non sei l'unico, perché a quanto pare si tratta di un diffuso fenomeno scientifico. Uno studio pubblicato su Plos One ha rivelato le cause di questa specie di vuoto di memoria. Pare che i giorni come lunedì e venerdì riescano a fissarsi con maggiore facilità nella mente, perché sono associati a sentimenti fortemente positivi o negativi (sono l'inizio e la fine della settimana), mentre nel caso delle giornate centrali le emozioni si bilanciano, rendendo i vari martedì, mercoledì e giovedì meno memorabili.

Il team che si è occupato dello studio ha chiesto a 1.200 persone di indicare quale giorno della settimana sentissero che fosse e di associare a quel giorno alcune parole. Al lunedì sono stati associati termini come "noioso", "agitato", "stanco", mentre al venerdì parole come "libertà" e "party". Di norma, questi due giorni vengono spesso citati in canzoni, storie e proverbi, quindi sono fortemente caratterizzati. Un terzo dei partecipanti all'esperimento ha pecepito di trovarsi in un giorno diverso da quello reale. 

I lunedì e venerdì  – hanno spegato i ricercatori – sono meno confondibili perché la loro rappresentazione mentale è più ricca e caratterizzata.