Continuano i controlli della Guardia Costiera di Porticello contro la pesca illegale del tonno rosso: i militari hanno sequestra 1750 chili di pescato, in procinto di essere commercializzato. Le autorità hanno intercettato un motopeschereccio, nell'ambito di una più vasta operazione di controllo e repressione dei reati, ed hanno in seguito effettuato i controlli.

Il tonno rosso sequestrato è stato giudicato non commestibile ed avviato alla distruzione. L'operazione delle forze dell'ordine ha portato all'applicazione di sanzioni amministrative per un valore di 12.000 euro ed al deferimento all'autorità giudiziaria di un soggetto che trasportava il pesce.

Sono numerose le violazioni e le conseguenze legate al commercio illegale del tonno rosso, a cominciare dalla riduzione dello stock ittico, per proseguire con il mancato rispetto delle norme igienico-sanitarie ed arrivare all'evasione fiscale ed al danno econico agli operatori della pesca che invece rispettano le regole.