Dopo il successo di “Medea” da Euripide, per la Regia di Nicasio Anzelmo. Una “Prima” e due repliche quella di Medea, che ha incontrato il favore del pubblico vista la presenza numerosissima di spettatori per tutte le tre serate; stasera torna la Commedia di Plauto.

 

In scena al Teatro Antico di Segesta Truculentus –  Intrighi d’amore in una Casa di piacereRegia e adattamento:VINCENZO ZINGARO.

Riconosciuta come una delle Commedie meglio riuscite di Plauto, Truculentus è stata raramente rappresentata.

 

Note

L’adattamento di Vincenzo Zingaro trasferisce la vicenda in una Sicilia fine anni ’30,

creando un affresco storico di grande impatto emotivo. Un Amarcord dagli echi felliniani, che ci trasporta in una scoppiettante vita di provincia, in cui i personaggi plautini si trasformano facilmente in figure familiari, dimostrando quanto il teatro latino abbia un radicato fondamento nella vita quotidiana. Una rappresentazione di Plauto davvero unica, divertente e commovente, che ci fa scoprire quanto il commediografo latino possa veramente ritenersi un nostro ‘contemporaneo’.

 

 

Tra imprevedibili colpi di scena e divertenti e commoventi dialoghi, scopriamo di non essere poi così lontani da una storia vecchia millenni. Vincenzo Zingaro e la sua eccezionale compagnia di attori riescono a fondere, in una classicità d’altri tempi, caratteri e profili umani tipicamente moderni.
Plauto non è mai stato così vicino a noi.

 

Teatro Antico 8 e 9 agosto alle ore 19.30:

TRUCULENTUS Intrighi d’amore in una Casa di piacere di T. M. Plauto

Regia e adattamento:VINCENZO ZINGARO

Con:Annalena Lombardi, Piero Sarpa, Laura De Angelis, Rocco Militano, Giovanni Ribò, Ugo Cardinali, Fabrizio Passerini, Mario Piana

Musiche:Giovanni Zappalorto– Costumi:Emiliana Di Rubbo

Scene:Emilio Ortu Lieto– Luci:Giovanna Venzi – Produzione: Castalia Produzioni Teatrali

 

Il 10 agosto alle 05.00 arriva la seconda ALBA in Cartellone.

Di scena  il bravissimo VINCENZO PIRROTTA, a lui il compito di narrare al pubblico mattiniero nello splendido scenario del Teatro “DON CHISCIOTTE DELLA MANCIA” Di Miguel De Cervantes – Ovvero – Disgrazie ed avventure dell’ingegnoso e armato cavaliere.

 

Note:

Era il 1605 quando il capolavoro letterario della letteratura del Siglo de Oro fu completato. E il suo protagonista, il personaggio più celebre di tutta la letteratura spagnola, rimane ancora una figura pressoché universale, soprattutto per quanto di simbolico è racchiuso nel racconto delle sue imprese: Don Chisciotte, ‘il cavaliere dalla triste figura’ aspira a restaurare la giustizia nel mondo emulando gli eroi dei romanzi cavallereschi, eroi di una realtà tramontata, ma in cui continua fermamente a credere.Lo sguardo dell’autoreè certamente più disincantato e meno ingenuo di quello del suo personaggio: Cervantes sembra infatti aver avuto l’intenzione di sottolineare, con la sua opera,l’inadeguatezza della nobiltàdi alloranel far fronte ai tempi nuovi che si andavano caratterizzando per un trionfo di materialismo e per il tramonto dei vecchi ideali e insieme quella di mettere in ridicolo la letteratura cavalleresca, preferendo ai suoi eroi immaginari e pomposi, il valore di quelli veri, quello dei soldati,ad esempioche, come lui, erano stati sul campo reale delle battaglia di Lepanto.

Spettacolo creato in esclusiva per

Ancora il 10 agosto ma alle 19,5 al Teatro Antico  gli affezionati di Segesta potranno assistere a “LA COLPA DI OTELLO” (Othello’sGuilt)

Adattamento e regia di ROBERTO CAVOSI

Con:Marco Gambino

Traduzione di Loredana Ottomano

Musiche di Alfredo Santoloci

Costumi:Marina Roberti 

Assistente alla regia:Claudia Puglisi

Produzione:Associazione Culturale Oltreconfine

 

Note:

La colpa di Otello è un monologo per un solo attore, il quale si trova a dover interpretare un personaggio doppio in cui convivono sia Otello che Iago. Otello è un carcerato condannato all’ergastolo, o meglio, condannato a rivivere in eterno le sue colpe; Iago, dal canto suo, costituisce per ‘il Moro’un alter ego imprescindibile e complementare:una specie di anima nera, una coscienza cattiva, una ‘voce’di cui la gelosia di Otello ha continuamente bisogno di alimentarsi. E per distruggersi. L’adattamento di Roberto Cavosi utilizza esclusivamente battute dell’originale shakespeariano, cercando, con rispetto filologico, di non forzarlo e di non tradirlo mai.

Othello’sGuilt andrà in scena dal 20 settembre all’1 ottobre 2016 al Rose Theatre Bankside di Londra

Spettacolo creato in esclusiva per

Una Prima e due repliche per una grande attore siciliano Tuccio Musumeci. L’attore catanese torna al Teatro Antico – 11-12-13 agosto, alle ore 19.15 – con la Commedia di Nino Martoglio – ANNATA RICCA Per la Regia di Giuseppe Romani.

Con TUCCIO MUSUMECI, MIKO MAGISTRO

e Margherita Mignemi, Lorenza DenaroEvelyn Famà, Lucia FossiRoberto Fuzio, Enrico MannaClaudio  MusumeciLuigi NicotraAlessandro PizzimentoMarina Puglisi,  Giampaolo RomaniaLaura SfilioGiovanni Strano Giorgia Torrisi

Musiche:Matteo Musumeci – Coreografie: Silvana lo Giudice – Costumi: Rosa e Mela Rinaldi – Scene: Jacopo Manni  – Produzione:Teatro della Città

 

Note:

È il 29 settembre, siamo in tempo di vendemmia. Nella notte di San Michele, la natura esplode durante la raccolta dell’uva e la pigiatura; siamo in una campagna siciliana, per l’esattezza in una masseria catanese È il tramonto. La festa della sera scatena gli istinti più nascosti. Fa caldo. Il sudore del lavoro si trasforma nel sudore dell’accoppiamento. Giovani e meno giovani sono preda dei propri desideri.

Massaro Michelangilu, maturo marito della giovane Grazia e padre di Pina, una ragazza inquieta, riesce ad allontanare dalla moglie Marianu, smanioso di sessualità ma non può impedire che egli seduca invece la figlia.

Un racconto gioioso e intricato,i cui fili più volte s’aggrovigliano e si sbrogliano. La libera e spontanea coralità della festa si alterna alla coralità imposta dal lavoro: i due momenti s’intrecciano alternando l’inquietudine dell’impegno alla gioia del tempo libero. Il contesto è quello della povertà, della fatica e del dolore e gli attori esprimono il tentativo umano di dimenticare angustie e sofferenze affidandosi totalmente alla festa e alla trasgressione, anche se poi, di fatto, non sono altro che palliativi.

 

Gli altri appuntamenti in Cartellone

 

Teatro Antico16 agosto, ore 19.15

LYSISTRATA

Adattamento da Aristofane di Valentina Ferrante

Regia:VALENTINA FERRANTE, MICAELA DE GRANDI

Con: Giovanna Criscuolo, Micaela De Grandi, Valentina Ferrante, Federico Fiorenza, Massimiliano Geraci, Giovanni Rizzuti.

Musiche:Luca Mauceri

Elementi di scena: Michele De Grandi, Simona Ferrante

Costumi: Nunzia Capano

Assistente alla regia:Roberta Andronico, Luigi Nicotra

Produzione: BannedTheatre

 

Note:

Il sesso è motore del mondo: Lysistrata ne è convinta ed è questa sua convinzione che la porta a mettere in atto uno stratagemma creativo e surreale. Tutte le donne dovranno astenersi dall’avere rapporti sessuali con i mariti finché la guerra del Peloponneso non sarà cessata. Sono infatti le donne, le madri, le prime a sentir il bisogno di ribellarsi alla guerra e al suo spreco di vite: «In realtà la guerra è più un affare da donne, perché esse ne sopportano il peso due volte: partoriscono i figli con dolore, li allevano con tanto amore e poi li vedono andare via a fare i soldati!»:  Ma, nel tentativo di rovesciare le regole della società maschilista del tempo, Lysistrata è in fondo costretta a confermarle e, a conti fatti, sembra che il potere decisionale delle donne rimanga legato tristemente ed esclusivamente al sesso. Purtroppo lo sciopero di queste donne porterà soltanto a un’uguaglianza e a una pace provvisorie.

Banned Theatre propone un divertente adattamento della famosa commedia di Aristofane e affronta con spirito il tema della parità dei sessi, attribuendo a entrambi pregi e difetti in egual misura

Una messinscena essenziale che nasce in co-produzione con il “Calatafimi Segesta Festival-Dionisiache 2016” e si sviluppa a partire da quel lavoro di improvvisazione che è tipico del Banned Theatre: i sei attori, attraverso l’uso delle maschere e con l’accompagnamento delle musiche di Luca Mauceri, esploreranno sulla scena il caleidoscopio dei vari tipi umani con esilaranti capovolgimenti del genere maschile e femminile.

Spettacolo creato in esclusiva per

 

 

 

 

Teatro Antico – 17 agosto, ore 19.30

 

GESTA DELL’ORLANDO FURIOSO NARRATE DA BRUNELLO!

Scritto da Salvo Piparo – Regia:LUIGI MARIA BURRUANO

Musiche: Marco Betta

Con: SALVO PIPARO, Costanza Licata, Irene MariaSalerno

Note:

Pupi alti e finemente decorati si muovono sulla scena, accompagnati dal ritmo incalzante delle percussioni, da un pianoforte dolce e dal personalissimo cunto, narrato d’un fiato, tratto da un  canovaccio di Salvo Piparo, Pupiata di Zucchero.

Quello che va in scena è un racconto epico di gesta moderne,un poema che mescola presagi ingannevoli e pura follia: uno spettacolo scritto e interpretato da Salvo Piparo con la regia di Luigi Maria Burruano, finissimo puparo.

Salvo Piparo è accompagnato dal mezzo soprano Costanza Licata, nel ruolo di Angelica, e dall’elegante pianoforte di Irene Maria Salerno che guida gli spettatori da un quadro all’altro tenendoli per mano. Un’antica storia d’amore e guerra, raccontata per bocca di Brunello, vecchio personaggio panormita protagonista del racconto: Brunello vende pupaccene vestiti da paladini di Francia, immobili e perennemente sorridenti,ma riuscirà a dar loro vita attraverso la propria fantasia, alimentandoli dei suoi ricordi di venditore di zucchero e sogni.

Uno spettacolo divertente e colto che racconta, in modo volutamente infedele,una delle più grandi favole della letteratura moderna occidentale agganciandola però alla realtà: gli eroi di Ariosto diventano visionari senza senno che chiedono consiglio a una luna piena di ricotta come un biscotto di San Martino, Angelica una donna dai discutibili costumi e Medoro un amante instancabile e cocciuto.

Teatro Antico19-20-21 agosto, ore 19.30

 

MISURA PER MISURA Di W. Shakespeare

Regia:GRAZIANO PIAZZA

Con:  Ivan Alovisio, Alessandra Fallucchi, Clara Galante,Viola Graziosi, Sergio Mancinelli, Franco Mirabella, Graziano Piazza

E con gli attori del corso di perfezionamento del Teatro di Roma:

Paride Cicirello, Arianna Di Stefano, Pietro Masotti, Stefano Scialanga, Jacopo Uccella

E gli allievi dell’ Accademia d’Arte del Dramma Antico di Siracusa

Chiara Cianciola,  Antonino Cicero Santalena, Alessandro Di Feliciantonio, Clara Ingargiola,

Riccardo Rizzo, Noemi Scaffidi, Vittoria Scuderi, Giacomo Lisoni

 

Traduzione e adattamento: Graziano Piazza

Supervisione ai costumi:Maria Alessandra Giuri

Scenografie sonore:Arturo Annecchino

Assistente alla regia:Antonietta Bello, Delfina Balistreri

Direzione organizzativa: Rossella Compatangelo

Produzione:Il Carro Dell’orsa

 

Note:

Festeggiare i quattrocento anni della morte del Bardo con questo capolavoro vuol dire mettere al centro l’uomo, le sue contraddizioni, stimolarlo a conoscersi. Qual è quella Misura che ci fa render conto di cosa siamo? Attraverso il ‘mistero’ di questa pièce, che lenta attraverso la notte si muove verso il lieto fine, scopriamo il succo della ‘commedia umana’, di oggi e di sempre restiamo attoniti, turbati.

Una tragicommedia, quindi, provocatoriamente sempre in cerca di un equilibrio ma sempre in bilico, che pone continue domande sulla nostra ‘misura’, sulla posizione che assumiamo nei confronti dell’altro, del diverso da noi, di ogni tentativo di società. Le risposte faticano ad arrivare ma, tra le polarità, i contrasti e le contraddizioni, si individua, finalmente, quella ‘Misura per Misura’ che regala la speranza d’un lieto fine, almeno sulla scena.

 

Teatro Antico20 agosto, ore 5.00                     ALBA

GIUSEPPE PAMBIERI

in

CENTOMILA, UNO, NESSUNO

La curiosa storia di Luigi Pirandello

Scritto e diretto da GIUSEPPE ARGIRÒ

Produzione:Teatro della città

 

Note:

Un viaggio ironico e appassionato nel multiforme universo dello scrittore siciliano, un ritratto inedito disegnato attraverso le figure più significative della sua vita, attraverso le sue opere e il suo pensiero.

«Una notte di giugno caddi come una lucciola sotto un gran pino solitario in una campagna d’olivi saraceni affacciata agli orli d’un altipiano d’argille azzurre sul mare africano»:così Pirandello descrive l’inizio del suo «involontario soggiorno sulla terra». E sulla scena Pirandello guarda vivere quei suoi personaggi in cui ha messo pezzetti di sè che riannodano i fili segreti e misteriosi della sua biografia.

La drammaturgia rivela l’uomo Pirandello attraverso le parole dei suoi personaggi, attraversando narrativa, poesia e teatro: da Il fu Mattia Pascal al Padre dei Sei personaggi, dall’Enrico IV a Laudisi del Così è (se vi pare), a Leone Gala de Il giuoco delle parti, fino a L’uomo dal fiore in bocca.I temi dell’amore, della follia, della morte, del tragico emergono dalle parole dei diversi personaggi pirandelliani e parlano di qualcosa che è sempre attuale.

La scena, così come la vita,«non conclude»: è proprio questo ciò che rivela l’incontro fra Ilse e Cotrone vicino all’olivo saraceno, dove tutto ebbe inizio ma non una fine.