Ventun anno dopo comincia a venire fuori la verità sugli anni bui che segnarono il passaggio dalla Prima alla Seconda Repubblica. A parlare, questa volta, non sono politici e funzionari dello Stato, ma quello che è stato per decenni l’indiscusso “Capo dei capi” della mafia siciliana: Totò Riina.

[Continua la lettura dell’articolo]