Si finge ispettore del lavoro di Catania via chat e con la promessa di assumerli alle dipendenze del Centro Commerciale “Conca d’Oro” si fa versare 900 euro su una carta prepagata postepay. Una truffa nata dal dramma della disoccupazione. Una donna di 46 anni di Cefalù, alla disperata ricerca di lavoro per sé e suo figlio ventiseienne si è affidata  al sedicente  ispettore “Stefano Ferrari” (nome poi rivelatosi falso) conosciuto sulla chat del portale “nirvan.it”.

[Continua la lettura dell’articolo]