01Il sogno di un uomo italiano di aprire un modesto ristorante  è diventato un’ossessione archeologica, quando ha intrapreso i lavori per riparare un gabinetto difettoso. Un mondo sotterraneo pieno di secoli di storia ha trovato sotto il palazzo che avrebbe dominato la sua vita per più di un decennio.

Nel 2000, Luciano Faggiano doveva affrontare problemi idraulici e fognari sulla proprietà che aveva acquistato al fine di avviare una trattoria, a Lecce.Immaginando che sarebbe stata una soluzione rapida, ha scelto di provare a risolvere il problema da se, con l’aiuto dei suoi due figli maggiori. Scavando sotto l’edificio, la famiglia ha scoperto un mondo sotterraneo, “risalente  prima della nascita di Gesù: una tomba messapica, un granaio romano, una cappella francescana e anche incisioni dei Cavalieri Templari. La sua trattoria invece è diventato un museo “, scrive un articolo del New York Times .

Lecce, e l’Italia in generale, è ricca di storia. Descritta come una torta a strati di civiltà e imperi antichi impilati uno sopra l’altro, la storia della zona si trova appena sotto i ciottoli e superfici pavimentate moderni. Reliquie e manufatti sono rivelati spesso, sia dai campi di un agricoltore o in un parcheggio della città. Tali scoperte sono aggiunte interessanti per l’insieme condiviso del passato dell’Italia, ma i reperti storici rallentano o annullano i moderni piani di costruzione, come sistemi di metropolitana o miglioramenti di costruzione, causando un bel mal di testa per urbanisti e costruttori.

Un anfiteatro romano a Lecce, Italia.  Queste rovine sono tipici dei reperti sotterranei scoperti da Luciano Faggiano.

 

Un anfiteatro romano a Lecce, Italia. Queste rovine sono tipiche dei reperti sotterranei scoperti da Luciano Faggiano. Dan Diffendale / Flickr

Lecce  è una città storica, situata nel tacco dello stivale d’Italia. La posizione era strategica per il commercio antico. Mario de Marco, storico locale e autore ha detto al New York Times, “I primi strati di  Lecce sono datati al tempo di Omero, o almeno secondo la leggenda.” Invasori greci, romani, ottomani e normanni hanno abitato la zona, e hanno lasciato tracce della loro presenza alle spalle.

 

Rovine romane sono pervasivi in ​​tutto, con i siti di rilievo, tra cui due anfiteatri, chiese, rocche fortificate costruite per difendere la città.

Anfiteatro romano di Augusto (inizio 1 ° c. CE) aggiornato con probabile adrianea (117-138 dC) lavori di ristrutturazione, in parte scavato nella roccia e in parte costruito.

 

Anfiteatro romano di Augusto (inizio 1 ° c. CE) aggiornato con probabile adrianea (117-138 dC), in parte scavato nella roccia e in parte costruito. Dan Diffendale / Flickr

Lo scavo del tubo della toilette di Faggiano è diventato un progetto archeologico gigante. Gli esperti sono stati chiamati a monitorare la situazione, ma tutti gli scavi sono stati pagati e completati da Faggiano . Dopo anni di lavoro e di denaro , le sue ambizioni sono state raggiunte.

“A un certo punto, io non ne potevo più”, ha detto al New York Times. “Ho comprato blocchetti e stavo per coprire e far finta che non era mai accaduto. Io non lo auguro a nessuno. “Tuttavia, contando sull’aiuto costante dei suoi figli adulti e l’affitto di  pensionati, il tunneling è progredito.

 

The History Blog scrive che più di 4.000 reperti sono stati recuperati negli scavi . I reperti comprendono: molte tombe e ossari, tra cui la tomba di un bambino romano; una profonda fossa dove i corpi venivano   lasciati a decomporsi e poi le ossa erano raccolte e sepolte; buche di palo  per le abitazioni, le strade antiche, silos di grano, un pozzo di 10 metri di profondità ancora alimentato dall’acqua; tunnel segreti usati da ordini religiosi; affreschi, vasi antichi e ceramiche, gioielli, un altare, e migliaia di altri manufatti.

Così espansive e significative sono le camere, le gallerie e i manufatti che un museo indipendente è stato stabilito in loco per mostrare i reperti. Il Museo Archeologico Faggianopuò essere visto attraverso il suo sito web, e Google Maps ospita un tour virtuale .

Luciano Faggiano finalmente ha  riparato il tubo fognario che aveva causato l’intera avventura, e ha ancora in programma di aprire il sua   trattoria, ma in una nuova posizione.

Foto di presentazione: Una delle tante camere sotterranee scoperte da Luciano Faggiano durante i suoi scavi sotto Lecce. Credito immagine: Museo Archeologico Faggiano

Fonte:http://www.ancient-origins.net/news-history-archaeology/man-intent-fixing-toilet-uncovers-centuries-old-subterranean-world-020299

 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook “Pianetablunews e Beautiful exotic planet earth” ed al nostro profilo su twitter.

Segui anche il nostro bloghttp:www.pianetablunews.it tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!