la contestata via Jimi Hendrix di Lercara Friddi 1Nell’ottobre del 2012 l’Amministrazione Comunale di Lercara Friddi (in Provincia di Palermo), su segnalazione di Fabio Pillitteri (dipendente dello stesso Comune), ha intitolato  una strada a Jimi Hendrix, quasi in contemporanea con il 70° anniversario dalla nascita; tra le altre cose, Fabio si è anche occupato, del reperimento, della realizzazione e della collocazione della targa toponomastica, il tutto a sue spese (in totale poco più di € 20 … avendo recuperato un palo toponomastico dismesso).
Non contento di ciò, ha in seguito pensato di proporre (principalmente tramite PEC) l’intitolazione di una strada, piazza od altro spazio pubblico a Jimi Hendrix a tutti i Comuni d’Italia e, recentemente, anche alla Repubblica di San Marino.
E così, mail dopo mail, l’8 maggio di quest’anno ha ultimato il suo giro d’Italia virtuale, contattando tutti gli 8090 Comuni dove non esiste una via dedicata al mitico mancino di Seattle (oltre a Lercara Friddi, in precedenza, anche il Comune di Lanuvio, in Provincia di Roma, gli aveva dedicato una strada).
Con questa missiva, spedita personalmente a tutti i Comuni italiani, Fabio Pillitteri ha indubbiamente attirato l’attenzione su di sé, sul suo paese e su uno degli immortali del rock (digitando con google "via jimi hendrix fabio pillitteri lercara friddi" è possibile trovare diversi link per approfondire la storia ed anche alcune immagini della targa realizzata).
Secondo quanto da lui stesso dichiarato, a parte il voler, in qualche modo, dare una risposta ad un gruppetto di moralisti-benpensanti locali che a suo tempo non hanno gradito l’intitolazione di una strada a Jimi Hendrix nel Comune di Lercara Friddi,  perché, secondo la loro ottica perbenista, visto come personaggio negativo e di non buon esempio, l’iniziativa ha avuto principalmente lo scopo di volere tributare la memoria e l’imponente lascito musicale di questo grande artista (indiscusso innovatore nel suo campo) le cui circostanze della morte non sono mai state chiarite definitivamente e che tutt’oggi presentano molti interrogativi: ancor prima della conclusione dell’inchiesta circolò la voce che era stato stroncato da un’overdose di eroina e, anche se in seguito i documenti dell’inchiesta lo smentirono, milioni di persone in tutto il mondo hanno continuato a credere che questa fosse la verità.
Ancora oggi lo si iscrive nella lunga lista dei morti per droga degli eroi del rock, probabilmente perché a molti (per negligenza, superficialità od altro) fa comodo ricordarlo così: maledetto e per sempre incluso nella mitologia del rock.
L’obiettivo di Fabio va ben oltre il fanatismo: intitolare a Jimi Hendrix una strada della provincia italiana, da sempre restia al cambiamento, sarebbe a suo avviso una svolta nella mentalità statica e bacchettona di questa nostra cara vecchia Italia ed anche un modo per dare una svecchiata all’idea che molti hanno della toponomastica, dando la possibilità anche ai musicisti pop e rock di essere ricordati, in funzione del fatto che la loro musica ha reso un po’ migliori le nostre vite.
La sua crociata per convincere più Comuni italiani possibili ad intitolare una strada al grande artista non ha ancora prodotto esiti positivi, comunque diversi Sindaci lo hanno contattato complimentandosi per l’iniziativa, invogliandolo ad andare avanti, dispiacendosi, in alcuni casi, per il fatto che al momento non era possibile dare corso alla richiesta per mancanza di strade senza nome.
Effettivamente la proposta è interessante, richiamandoci al fatto che segnali di innovazione si possono dare anche a costo zero, perchè i simboli sono importanti.
Ci sono, comunque, anche altri motivi che a suo tempo hanno spinto Fabio a proporre al suo Comune l’intitolazione di una strada a Jimi Hendrix: il tentativo di veicolare un’idea di identità alternativa a quella stantia e folklorika alla quale la Sicilia (ed un po’ tutto il meridione d’Italia) sembra essere condannata, ed anche perché credeva che ciò avrebbe garantito al suo paese (“famoso” più che altro per aver dato i natali ai nonni ed al padre di Frank Sinatra ed anche a Salvatore Lucania … al secolo Lucky Luciano) una pubblicità di notevole impatto sia in Italia che all’estero: il tutto a costo zero! … questo chiaramente se la cosa fosse stata attenzionata, pubblicizzata e sfruttata un po’ meglio.
Chi volesse sostenere ed incentivare la sua iniziativa, può farlo in diversi modi, per esempio, informandosi sullo stato della richiesta fatta al Sindaco del Comune di residenza ed eventualmente sollecitarla (… tanto ha scritto a tutti i Comuni d’Italia) o, in alternativa, linkando la notizia pubblicizzandola su blog, Facebook, Twitter od altro.
… la sua richiesta certamente non risolverà né la crisi né tutti i problemi che attanagliano il nostro Paese, e di questo Fabio ne è consapevole: i risultati, non certo esaltanti fin qui raggiunti non lo abbattono, perché … se perdiamo anche la voglia di sognare, anche le cose più assurde, cosa ci rimane?