Negli ultimi anni è decisamente cresciuto l'interesse mostrato da esperti e semplici curiosi nei confronti dei migliori vini siciliani. L'isola, in tal senso, offre davvero una vastissima scelta e non mancano le opzioni per chiunque voglia assaggiare prodotti di qualità. I vini siciliani doc, infatti, sono tanti e incontrano il gusto anche dei palati più esigenti. Tante cantine sono nate di recente, molte altre, quelle storiche, hanno invece rafforzato il loro ruolo nel mercato nazionale e internazionale.

Grazie alle tante iniziative che permettono agli appassionati di visitare direttamente i luoghi di produzione, inoltre, si è creato un rapporto più diretto e immediato: in tanti si chiedono dove acquistare vini siciliani, al di là dei più classici canali di distribuzione e, attraverso questo tipo di eventi, possono vedere e "toccare con mano" alcune delle località più belle della Sicilia, con vigneti immersi nel verse, abbracciati dalle montagne o affacciati direttamente sul mare. La coltivazione della vite e la vinificazione furono portate sull'Isola dai fenici, tra l'VIII e il VII secolo a.C., ma nella Sicilia orientale la vitivinicoltura si è diffusa sin dall'epoca della colonizzazione greca, tra il VII e il VI secolo a.C., con il sistema detto "ad alberello".

Il primo vino DOC della storia vinicola italiana è stato proprio il Marsala, vino liquoroso la cui nascita è legata alla figura del commerciante inglese John Woodhouse, che approdò nel 1773 al porto di Marsala. Alla fine degli anni Cinquanta nacquero le prime cantine sociali, che raccolsero i piccoli produttori in cooperative e, dopo decenni passati un po' in sordina, a partire dagli anni Settanta il vino siciliano si è preso una sua rivincita, con la nascita di numerosi vini a denominazione d'origine controllata.

I migliori vini bianchi siciliani

Riuscire a orientarsi nel vasto universo dei vini bianchi siciliani pregiati non è semplice. Prima di vedere quali sono le etichette più richieste, è importante fare un piccolo approdondimento sui vitigni a bacca bianca più noti. Molti, tra quelli che si avvicinano all'argomento, sono alla ricerca di vini bianchi siciliani per pesce, nel più classico dei connubi. L'offerta enogastronomica dell'isola, infatti, si presta benissimo a incontri a tutto gusto, che rendono lieto ogni palato. I vitigni a bacca bianca più famosi sono indubbiamente il Catarratto, il Grillo, il Carricante, l'Inzolia, lo Zibibbo, la Malvasia e il Moscato di Noto.

I migliori vini rossi siciliani

Anche per quanto riguarda i vini rossi siciliani pregiati si può fare un discorso analogo. Il vasto territorio dell'isola offre davvero molti vitigni in grado di soddisfare palati molto diversi. dall'Etna alle isole minori, i vitigni a bacca rossa più famosi sono il Nero d'Avola, il Nerello Mascalese, il Nerello Cappuccio, il Frappato, il Nocera, il Corinto Nero e il Perricone.

Sono stati ben 22 i vini siciliani che si sono aggiudicati i "Tre Bicchieri", massimo riconoscimento della Guida ai Vini d'Italia 2018 del Gambero Rosso. Chiunque sia alla ricerca dei migliori vini siciliani può prendere spunto da questo elenco, da utilizzare come punto di partenza per una ricerca che sarà poi affidata alla scoperta e al proprio intuito.

Ecco quali sono i vini siciliani scelti dalla giuria:

Astolfo 2015 di Assuli; Cerasuolo di Vittoria Giambattista Valli Paris 2015 di Feudi del Pisciotto; Contrada Sciaranuova 2015 di Passopisciaro; Etna Bianco 2016 di Planeta; Etna Bianco Alta Mora 2016 di Cusumano; Etna Bianco Fondo Filara Contrada Monte Gorna '16 di Nicosia; Etna Rosso 2015 di Tornatore; Etna Rosso 'A Rina 2015 di Russo; Etna Rosso V. Barbagalli 2014 di Pietradolce; Etna Rosso Zottorinoto Ris. 2013 di Cottanera; Faro 2015 di Casematte; Malvasia delle Lipari Passito 2016 di Caravaglio; Mandrarossa Cavadiserpe 2016 di Settesoli; Passito di Pantelleria Ben Ryé 2015 di Donnafugata; Quater Vitis Rosso 2014 di Firriato; Rosso del Soprano 2015 di Palari; Shymer 2014 di Baglio di Pianetto; Sicilia Bianco Maggiore 2016 di Rallo; Sicilia Catarratto V. di Mandranova 2016 di Alessandro di Camporeale; Sicilia Nerello Mascalese Tascante 2014 di Tasca d'Almerita; Sicilia Saia 2015 di Feudo Maccari; Sicilia Syrah 2015 di Feudo Principi di Butera.