Tante le novità presentate dai produttori siciliani al Vinitaly 2016, salone dell'eccellenza del vino. Una di queste riguarda la cantina Firriato, che sarà la prima a produrre un vino vegano: verrà consegnato oggi l'attestato di certificazione secondo la specifica tecnica di produzione vegana. La specifica riassume i principi contemplati dalle principali normative internazionali di riferimento per la produzione alimentare vegana.

In particolare, attesta che il vino non contiene materie prime, ingredienti e coadiuvanti di origine animale e che non è stato esposto a rischi di contaminazione, cioè di passaggio diretto o indiretto di ingredienti indesiderati. Quelle aziende che riescono ad ottenere la specifica hanno la possibilità di apporre un marchio o di riportare le informazioni direttamente sulla bottiglia, informando i consumatori in merito al fatto che stanno per consumare un vino vegano. La cantina siciliana Firriato è tra le prime in Italia ad ottenere questo prestigioso riconosciumento da parte di DNV GL, uno dei principali enti di certificazione a livello mondiale. 

Federico Lombardo di Monte Iato dell’azienda Firriato ha detto: “Vogliamo poter offrire solo il meglio ai nostri consumatori; per questa ragione lavoriamo all’insegna dei più rigorosi standard internazionali. Poter offrire un vino vegano certificato ci consente di dare una risposta seria, non improvvisata, ai bisogni di chi segue questo regime alimentare”.