La tradizione siciliana offre davvero molte perle di saggezza. I proverbi siciliani danno tanti consigli per affrontare al meglio la quotidianità ed è per questo che oggi abbiamo pensato di suggerirvene 10 che vi torneranno utili.

Perle di saggezza siciliana

  1. Prima si sparuliano e appoi si iunciunu (Prima si sparlano e poi si uniscono: prima sparlano l’uno dell’altro, poi ipocritamente passano il tempo insieme)
  2. Cu si fa maravigghia s’incagghia cu tutta a cavigghia (Chi si meraviglia si incastra con tutta la caviglia: non bisogna meravigliarsi di nulla)
  3. I soddi fannu soddi i pirocchi fannu pirocchi (I soldi chiamano soldi, i pidocchi chiamano pidocchi: il ricco diventa sempre più ricco, il povero sempre più povero)
  4. Unni ‘u nuru va ‘u friddu ‘u scopri (Dove il nudo va, il freddo lo lascia scoperto: capita sempre il peggio a chi è già sfortunato)
  5. Cu si vardau si sarvau (Chi si è guardato si è salvato: chi sta attento a sé si salva dai guai)
  6. Prima ‘a zzotta e poi ‘u cavaddu (prima il frustino e poi il cavallo: ti concentri prima sulla cosa inutile, poi su quella utile)
  7. Comu t’à ‘mpani t’à spani (come imbrogli, sbrogli: se da solo combini guai, poi da solo te li risolvi)
  8. L’acqua intra e a pila ‘nchianu (tieni l”acqua dentro casa e la vasca per lavare la biancheria fuori: non ti sai organizzare)
  9. ‘U puntiari è megghiu do’ cusiri (rammendare è meglio di cucire: recuperare qualcosa è meglio che comprarla nuova)
  10. Cu di sceccu ni fa mulu ‘u primu cauciu è do so (chi trasforma un asino in un mulo, si prende il primo calcio: chi aiuta altri non ha riconoscenza)