Anche oggi parliamo di proverbi siciliani. L’argomento ci appassiona molto, perché rappresenta una pagina importante della tradizione di questa meravigliosa terra. I proverbi racchiudono saggezza e consigli su tanti argomenti diversi. Tra questi c’è anche il passare del tempo.

Nei proverbi siciliani si trovano davvero molti riferimenti al rapporto tra giovani e adulti, con alcune riflessioni interessanti. Il tempo che avanza porta inevitabilmente a fare bilanci della propria vita, capire dove si è arrivati e come. Leggere questi proverbi potrà sicuramente farvi sorridere o, comunque, confermare alcune cose alle quali avete già pensato.

Proverbi siciliani sull’età che avanza

  1. Asini e picciriddi Diu l’aiuta
    Dio aiuta asini e bambini.
  2. Non manca mai a li vecchi chi cuntari, quannu stanu a lu suli o a lu fuculari
    Gli anziani riuniti sotto il sole o davanti al focolare hanno sempre qualcosa da raccontare.
  3. Cu’ non senti li cchiù granni, appenni li vettuli a mali banni
    Chi non ascolta i consigli di chi è più grandi, appende la propria bisaccia nei posti sbagliati.
  4. Dopu a quarantina, un mali ogni matina
    Superati i quarant’anni, c’è un malessere ogni mattina.
  5. Lu pisu di l’anni, è lu pisu cchiù granni
    Il peso degli anni è il più gravoso da portare.
  6. Si lu giuvini vulissi e lu vecchiu putissi, non ci saria cosa ca non si facissi
    Se i giovani avessero voglia e gli anziani avessero la forza, si potrebbe fare tutto
  7. Cu’ è picciuteddu non è puureddu
    La giovinezza è ricchezza
  8. Cu’ sa spassa quannu è picciottu, chianci quannu è vecchiu
    Chi se la spassa troppo quando è giovane, ne paga le conseguenza quando è vecchio.
  9. L’omu a cinquantenni o è papa o è varvaianni
    Se l’uomo a cinquant’anni non ha già messo su famiglia, non lo farà mai.
  10. A testa ianca, spissu lu sennu manca
    Capita che, nonostante si abbiano i capelli bianchi, non si sia saggi.