bonus 1000Il Dipartimento regionale Famiglia e Politiche sociali una volta tanto si fa carico di una iniziativa lodevole: l'assegnazione di un bonus per i bambini nati in Sicilia da erogare attraverso i Comuni. Saranno i comuni ora a doversi organizzare per fornire assistenza alle famiglie che hanno diritto al contributo. Catania, ad esempio si è già attivata. Fiorentino Trojano assessore all’Armonia sociale e Welfare ha istituito i cinque Centri Territoriali per fornire informazioni e raccogliere le richieste delle famiglie che hanno diritto al contributo.

Come dicevamo, il bonus di 1000 euro è stato stabilito dalla Regione Siciliana con un recente provvedimento nel quale potete consultare i criteri e le priorità con le quali la regione assegnerà le risorse.

Ogni semestre ci saranno 203 beneficiari.
Il tetto massimo totale dell'iniziativa infatti è stato fissato a 407.000 euro.

La domanda può essere presentata da uno dei due genitori o da chi dovesse esercitare la potestà parentale.

I requisiti per accedere al bonus sono:

• cittadinanza italiana o comunitaria;
• residenza nel territorio della Regione Siciliana al momento del parto o dell’adozione;

• indicatore I.S.E.E. del nucleo familiare non superiore a € 5.000,00 in corso di validità.

Anche i cittadini extracomunitari titolari di permesso di soggiorno possono presentare domanda, purchè abbiano residenza nel territorio della Regione Siciliana da almeno 12 mesi al momento del parto.

 

A Catania, l'istanza può essere ritirata nei Centri Territoriali (altrimenti rivolgetevi al vostro comune) di appartenenza entro: il 30/08/2013 per i nati dal 01/01/2013 al 30/06/2013 e entro il 31/01/2014 per i nati dal 01/07/2013 al 31/12/2013.

Dopo aver raccolto tutte le domande, il dipartimento regionale redigerà una graduatoria nella quale avranno precedenza i soggetti con un Isse più basso e con nucleo famigliare più ampio. A parità dei precedenti requisiti, invece, verrà considerato l'ordine cronologico delle nascite.

 

Potete visionare quanto detto direttamente sulla Gazzetta ufficiale della Regione siciliana. Vi abbiamo messo il link. Apritelo e andate a pag. 39.