PALERMO – Il porto di Palermo e quello di Termini Imerese "benedetti" da 9 progetti che in un anno ne miglioreranno le infrastrutture. In soldoni, si tratta di investimenti per 28 milioni di euro. È il risvolto pratico della collaborazione tra l'Autorità portuale e il Ministero delle Infrastrutture guidato da Graziano Delrio. Negli ultimi mesi il ministro ha puntato molto sulla riqualificazione e sul potenziamento infrastrutturale dell'area portuale di Palermo, dove è presente anche il Cantiere navale.

I progetti trasmessi dall'Autorità portuale sono stati già esaminati dal provveditorato Opere Pubbliche Sicilia e Calabria. Alcuni sono in fase di gara, mentre per altri si aspetta da un momento all'altro l'aggiudicazione.

"Come governo nazionale abbiamo dato un impulso fondamentale al settore delle infrastrutture siciliane. Tutte le tessere del mosaico stanno trovando il loro posto e finalmente stiamo sbloccando situazioni che erano in stallo da anni o da decenni. Grazie all'intervento di Delrio stiamo ripristinando e potenziando un settore fondamentale per il rilancio e la competitività dell'isola sia a livello nazionale che nell'ambito mediterraneo", afferma Davide Faraone, sottosegretario siciliano del governo Renzi.