I

L’inizio – Il Commissario Montalbano debutta il 6 maggio 1999 su Rai 2 e in 20 anni il personaggio, tratto dai libri di Andrea Camilleri e interpretato da Luca Zingaretti, ha avuto un successo inimmaginabile.

Il nome – Montalbano è nome molto diffuso in Sicilia, ma Camilleri non ha scelto a caso. Lo scrittore siciliano voleva omaggiare Manuel Vasquez Montalban che ha dato vita al personaggio del detective privato Pepe Carvalho.

La location – La bella Vigata in realtà non esiste, ma ormai è noto che dietro la cittadina dal nome di fantasia dovrebbe nascondersi Porto Empedocle, dove nacque Camilleri il 6 settembre 1925.

Le riprese – La fiction è stata girata soprattutto in provincia di Ragusa. Dal lungomare di Marinella al castello di Donnafugata, e poi da Scicli a Punta Secca, frazione di Santa Croce Camerina, dove c’è la casa del commissario in realtà un Bed & Breakfast.

Il vero Montalbano – La statua del vero Montalbano in bronzo è a Porto Empedocle. Opera dello scultore Giuseppe Agnello, lo ritrae completamente diverso da Zingaretti, con giacca, baffi e un volto, scarno e segnato dalle rughe.

Il fumetto – Nel numero 2994 di Topolino, uscito il 16 aprile 2013, compare Topalbano, parodia Disney del celebre commissario. La storia dal titolo “Topolino e la promessa del gatto” è stata supervisionata proprio da Camilleri.

Andrea Camilleri – Non è stato solo scrittore, sceneggiatore e regista, ma anche attore nel film “La strategia della maschera”, dove interpretava un anziano archeologo.

Articoli correlati