Immagine          Ci sono alcuni proverbi siciliani che in barba all’8 marzo la dicono lunga su come venissero anticamente trattate le donne ed in quale considerazione fossero tenute. Sfruttate e sottomesse in casa o nel lavoro venivano offese e derise anche attraverso i proverbi. Magari a leggerli faranno pure sorridere; ma ci sarebbe anche da riflettere e parecchio. Essi rispecchiano infatti la società di un passato, forse anche non troppo lontano,  in cui la donna viveva in uno stato di totale subalternità; analizzateli con attenzione e magari commentateli. In ogni caso buon 8 marzo e …..VIVA LE DONNE!

 

Fimmina di diciottanni o la mariti o la scanni

Cu sirenu voli campari  di li fimmini nun s’avi a fidari

 ‘Ntà li fimmini senza figghi nun ci iri pi cunsigghi

A fimmina senza pettu è comu u stipu senza piattu

Pi la fimmina teniri sutta ‘ntà na manu na rosa e ntà l’autra na zzotta

Cu la fimmina e  lu mulu un lisinari pidati ‘ntò culu

Fimmini, pareddi e lumi facci attinzioni ca ti cunsumi

Fimmini e pruci su di scacciari comu la nuci

Guarditi di li malarazza e di li fimmini chi mustazza

A la fimmina ca si pitta lignati na minnitta