Aveva solo 17 anni quando ha acquistato il biglietto vincente della lotteria che l'ha fatta diventare milionaria ancor prima di aver raggiunto la maggiore età. Oggi, a 21 anni, Jane Park non sembra affatto contenta della sua fortuna e sta pensando di fare causa alla Lotteria per averle "rovinato la vita". Una storia al limite del surreale che però ha fatto il giro della stampa mondiale, finendo addirittura sul "Washington Post".

Nel 2013 Jane è stata la più giovane cittadina britannica a vincere un milione di sterline all'Euromillions, e la sua esperienza la porta a dire che dovrebbe essere vietato per legge ai minorenni di acquistare i biglietti e tentare la fortuna. Il motivo principale sarebbe lo stress accumulato in seguito alla vincita e la fatica che ora la giovane fa a trovare un senso alla sua vita: si è rifatta il seno, ha adottato un chihuahua e ha comprato due case, ma tutto questo sembra non essere abbastanza per essere felici. "La gente mi guarda e pensa 'vorrei avere il suo stile di vita, vorrei avere i suoi soldi'. Ma non si rendono conto della portata del mio stress. Ho cose materiali, ma a parte quelle la mia vita è vuota. Qual è il mio scopo nella vita?", dice.

All'epoca della vittoria, Jane avva un lavoretto provvisorio pagato 8 sterline l'ora e viveva con la madre in un appartamento popolare. Quando la fortuna ha bussato alla sua porta, la società responsabile della lotteria ha pensato di affiancarle un consulente per amministrare il suo denaro, ciononostante la ragazza non si ritiene soddisfatta. "Ho letto di altri vincitori della lotteria che hanno sperperato tutto e li capisco perfettamente: il mio consulente finanziario mi parlava di obbligazioni e investimenti ma io non avevo la minima idea di cosa fossero", aggiunge.