Anche quest’anno il museo delle Marionette aderisce al festival Le vie dei tesori, che si svolgerà nei weekend compresi tra il 5 e il 27 ottobre.

Ogni sabato e la domenica, dalle 10 alle ore 17, sono previste visite guidate ogni ora (della durata di 40 minuti, per gruppi di massimo 30 persone) alla scoperta della vastissima collezione di un museo unico nel suo genere, che custodisce marionette, pupi, burattini e ombre provenienti da tutto il mondo. Quattro le collezioni proclamate dall’Unesco “capolavoro del patrimonio orale e immateriale dell’umanità”: l’Opera dei pupi siciliani, il Ningyo Johruri Bunraku giapponese, il Wayang Kulit indonesiano, lo Sbek Thom cambogiano e i Géléde nigeriani. Accessibile ai disabili.

Sabato 5 ottobre alle ore 18, in scena al museo Pasqualino “Parole e Sassi”, del Collettivo Progetto Antigone, primo appuntamento teatrale della V edizione del festival Teatro Bastardo “Sconfinamenti”.

Vincitore del premio Eolo 2013 come migliore progetto creativo e finalista Giocateatro 2013, lo spettacolo, con Simona Malato e la regia di Letizia Quintavalla, racconta a un pubblico di bambini dagli otto anni in su la storia di Antigone.

È un’antica vicenda di fratelli e sorelle, di patti mancati, di rituali, di leggi non scritte e di ciechi indovini, narrata nei secoli a partire dal dramma scritto dal poeta greco Sofocle nel 440 avanti Cristo.
Ora, 
diciannove attrici, ognuna nella propria regione, solo con un piccolo patrimonio di sassi, la raccontano alle nuove generazioni, che a loro volta la racconteranno ad altri. I sassi fissano simbolicamente le parole e legano tra loro pensiero e azione. A volte mossi come su una scacchiera, altre lasciati immobili sulla terra o scagliati nell’ira, i sassi diventano suggeritori di gesti dai quali si snoda la tragedia.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti. Consigliata la prenotazione al numero 3386349373.


Proseguono, infine, gli 
spettacoli tradizionali di opera dei pupi, in scena ogni lunedì alle ore 11 e dal martedì al sabato alle ore 17.