Le più recenti notizie la davano praticamente per certa, ma pare che l'apertura di un punto vendita Ikea a Palermo tornerà ad essere un miraggio (o comunque una possibilità non così immediata come si potesse pensare). Come riportato da numerose testate locali, infatti, i contatti tra l'azienda ed il Comune di Palermo si sarebbero interrotti, allontanando l'ipotesi della realizzazione di un megastore nella zona di Brancacccio.

L'area individuata e proposta al colosso svedesse, grande circa 40 ettari, sembra non abbia incontrato i suoi gusti. Come spiegato da Juan Diego Catalano, presidente della Prima Commissione Affari Generali del Comune, a SiciliaInformazioni, "Qualora nell'ambito urbano non ci dovessero essere gli spazi che Ikea richiede, senza gravare sul verde storico presente in città, la conseguenza sarà quella di cercare una sede altrove". L'apertura di un negozio Ikea a Palermo rappresenterebbe indubbiamente un'ottima opportunità per il rilancio commerciale del territorio e porterebbe circa 190 nuovi posti di lavoro, di cui circa il 70% a tempo determinato.

A frenare ulteriormente gli entusiasmi ci hanno pensato anche le parole di Alberto Mangano, presidente delle Sesta commissione Urbanistica, che ha spiegato come il Comune non abbia più avuto notizie dall'azienda: "Non so cosa prevedano i loro piani, ma ritengo che un polo Ikea nella Sicilia occidentale si debba realizzare. Ma a Palermo la situazione è problematica, un altro intervento sul modello dei centri commerciali Forum o Conca d’oro, il territorio non potrebbe sopportarlo”.