È stato freddato al di fuori del suo locale, mentre stava andando a recuperare l'automobile: agguato in Belgio, in una strada centrale di Liegi, costato la vita al 51enne Rino Sorce, ristoratore favarese. L'uomo era titolare del ristorante-pizzeria "Grande fratello", con annesso bar, nel quartiere Ernest Solvay a Sclessin.

I killer sono sbucati all'improvviso, a bordo di un'auto da corsa, sparando una decina di colpi di pistola. Sorce è praticamente morto sul colpo. Il favarese viveva da anni in Belgio, dove si era ormai stabilito. Secondo quanto raccontato da alcuni testimoni, i colpi di pistola sarebbero stati numerosi, tanto da essere scambiati per petardi.

Poco distante dal luogo, nel mese di settembre dello scorso anno, il 28enne di Porto Empedocle è stato ucciso Mario Jakelich, ventottenne di Porto Empedocle, e ferito gravemente il quarantenne favarese Maurizio Di Stefano.