Ma esattamente 60 anni fa, il 30 giugno 1963, era impensabile, o quantomento imprevedibile, che la mafia potesse usare mezzi così efferati e sofisticati non solo per imporre il suo dominio in terra siciliana, ma per lanciare un avvertimento allo Stato come per dire “se lasciate in pace la mafia, la mafia lascerà in pace voi”.

[Continua la lettura dell’articolo]