Lo chef stellato più giovane d’Italia è siciliano. La 64esima edizione della Guida Michelin Italia ha incoronato anche il 26enne Alessandro Ingiulla del ristorante Sapio di Catania. Si tratta della prima volta in cui il locale entra nella prestigiosa guida. Il ristorante, che si trova nei pressi di piazza Europa, è nato un anno e otto mesi fa.

Alessandro Ingiulla si è dedicato all’arte della cucina sin da giovanissimo: ha iniziato quando aveva 14 anni. Dopo alcuni anni trascorsi all’estero e nel Nord Italia, è tornato in Sicilia, puntando su un raffinato ristorante gourmet. Qui propone piatti innovativi, come lo “Spaghetto freddo” con centrifuga di pomodoro e olio nuovo dell’Etna, scampo crudo e polvere di alghe.

Alessandro Ingiulla e gli altri stellati siciliani

Tra le new entry siciliane della Guida Michelin 2019 c’è anche il St. George, ristorante del “The Ashbee” hotel di Taormina. Gli altri stellati di Sicilia ci sono La Madia di Licata, (due stelle), il Duomo e La Locanda di Don Serafino a Ragusa (due stelle) e, a a seguire con una stella, il Principe Cerami (Taormina), Shalai (Linguaglossa), Coria (Caltagirone), Accursio e La Fenice (Ragusa), Il Bavaglino (Terrasini), Bye Bye Blues (Mondello), I Pupi (Bagheria), La Capinera (Lido Spisone, Taormina), Il Cappero (Vulcano) e Signum (Salina).