Per 120 comuni siciliani si apriranno i seggi elettorali il 12 giugno per le elezioni amministrative.

Lo ha deciso la giunta del presidente regionale Nello Musumeci su proposta dell’assessore alle Autonomie locali, Marco Zambuto. Si vota in due capoluoghi di provincia, Palermo e Messina.

Tredici i comuni che eleggeranno sindaco e consiglieri comunali con il proporzionale. Gli altri e in altri 105 comuni che eleggono i propri rappresentanti con il sistema maggioritario. I consiglieri comunali da eleggere sono 1.520. Al voto il 12 giugno saranno chiamati 1.710.451 siciliani, soltanto quella domenica dalle 7 alle 23. Lo scrutinio avverrà dopo la conclusione dello spoglio delle schede referendarie. I ballottaggi sono programmati per il 26 giugno.

Fra i grandi comuni non capoluogo andranno alle urne Palma di Montechiaro e Sciacca, nell’agrigentino; Niscemi, in provincia di Caltanissetta; Aci Catena, Palagonia, Paternò e Scordia, nel Catanese; Pozzallo e Scicli, in provincia Ragusa; Avola, nel siracusano; Erice in provincia di Trapani.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati