CanalottoA Calascibetta comune della provincia di Enna , oltre alla Necropoli di Realmese, a circa mezzo chilometro dalla SS 290 in contrada Canalotto nei pressi del Santuario Madonna del Buon Riposo, (a 5 km dal paese) all’interno del bosco demaniale, troviamo un insediamento rupestre d’epoca Tardo Romana-Bizantina, risalente al VII – VIII secolo a.C. il nucleo principale dell’abitato, ubicato nella parte iniziale del vallone, proclive a sud-ovest verso il corso del fiume Morello, utilizza una rientranza di roccia arenaria profonda circa trenta metri, nella quale si aprono numerosi ambienti scavati nella roccia utilizzati per scopi religiosi, funerari e civili, un intero villaggio rupestre sviluppatosi in epoca bizantina.
Gli abitanti si erano organizzati per vivere in modo del tutto autonomo, avevano trovato il modo di raccogliere le acque dilavanti sulle rocce tramite delle incisioni che potevano avvolte diventare veri e propri canaloni i quali convogliavano le acque meteoriche in recipienti scavati nella roccia, che a loro volta venivano suddivise in piccole vasche per un agevole utilizzo giornaliero.
Il villaggio è composto da due chiese rupestri a due piani e circa trenta grotte anche a diversi piani, utilizzate come abitazioni.
Sulle pareti si notano le piccole teche scavate nella roccia, che servivano per la deposizione delle urne e vasi cinerari, dato che il culto dei morti seguiva ancora il rito cerimoniale romano, i defunti venivano cremati e le ceneri raccolte in vasi. Il villaggio poteva contare anche sul supporto idrico del torrente che scorre alla base, che si getta nel vicino fiume Morello.

Galleria foto