Ha chiamato il 113 spiegando di essere rimasta vittima di una rapina, ma quando i militari sono giunti sul posto hanno scoperto una verità ben diversa. Protagonista della vicenda una ultranovantenne di Napoli. La pattuglia è arrivata immediatamente presso la sua abitazione, dopo che qualcuno ha chiamato spiegando che era avvenuta una rapina e che i malviventi avevano legato la donna. 

In casa, però, era tutto in ordine e l'anziana stava bene. La donna ha raccontato di essere stata aggredita da tre persone che avevano preso i suoi soldi, ma poi ha ammesso di aver mentito: "Perdonatemi, è che sono sola, non esco di casa da un mese. Non ho nessuno e non mi posso permettere una badante", fino alla richiesta esplicita: "Non mi portereste a fare un giretto?".

Gli agenti l'hanno accompagnata al bar e le hanno offerto un cappuccino, quindi l'hanno condotta in chiesa, affidandola al parroco: "Padre, questa donna non può restare sola", hanno spiegato e il prete ha assicurato che una persona si prenderà cura di lei.