Arancino o arancina? Nuovo capitolo dell'annosa battagia che vede contrapposti i sostenitori dell'uno o dell'altro termine. Stavolta, ad intervenire è Francesco Sabatini, presidente dell'Accademia nazionale della Crusca, che non lascia spazio all'interpretazione: si dice arancino, con la "O". Sabatini è intervenuto a Palermo per presentare l'ultima edizione del suo libro, "Conosco la mia lingua". Intervistato da MeridioNews, di fronte alla fatifica domanda 'Si dice arancino o arancina?', ecco cosa ha risposto:

Propendo per la prima forma, di solito i diminutivi vanno al maschile. L'arancia è femminile, ma la trasformazione in un'altra cosa dovrebbe far cambiare il genere grammaticale. So che a Palermo preferite chiamarla al femminile e allora va bene anche così. L'importante non è come si pronuncia ma chi lo fa meglio.

Insomma: la questione si arricchisce sempre più di nuovi interventi. Sembra difficile arrivare ad una risposta definitiva, ma la cosa certa è sempre una: con la "A" o con la "O", poco conta, l'importante è che sia buono (o buona).