S’intitola “Cromìa” la mostra di Alberto Gattuccio che si inaugura alle 17 di venerdì 4 marzo alla Galleria delle Vittorie, a Palermo. Una personale di otto opere dove l’artista palermitano esprime l’influenza di alcune importanti avanguardie artistiche, che diventano spunto per ulteriori momenti esplorativi da parte dello stesso.

«La pittura di Gattuccio – scrive Alessandra Consiglio, curatrice insieme  a Lorenzo Pileri della mostra – si avvicina all’Espressionismo astratto, quello che ama sperimentare e che possiede una poderosa carica espressiva, che vede il colore protagonista su larghe campiture». Esplorando e sperimentando un uso di esso  che egli stesso definisce “accidentale”, Gattuccio lascia quasi che l’opera nasca da sé, che sia  libera, aldilà di ogni intervento esterno.

«Attraverso l’uso di colori acrilici, ma anche altri materiali non prettamente “artistici”- prosegue la Consiglio .- Alberto conduce una ricerca, a parer mio di grande interesse, sulla forza del colore.  Un colore potentissimo, che avanza sulla tela reclamando spazio e ricercando ruoli mai finiti. La nota a mio avviso più significativa del suo lavoro è proprio la sensazione di libertà che egli ricerca e trova nella pittura, una sorta di isola felice in cui cerca riparo rispetto alla quotidianità. Le opere presenti in mostra sono caratterizzate da un notevole sperimentalismo che

Alberto Gattuccio propone attraverso l’osservazione del comportamento del colore sulla tela e che, invitando a partire da una osservazione diretta delle stesse opere,  sollecita ad andare oltre le forme apparenti e  a ricercare anche quelle più nascoste».

All’inaugurazione sarà presente l’artista, insieme ai curatori. La mostra si potrà visitare anche il 5 e 6 Marzo,  dalle 12 sino all’orario di chiusura del Mak Mixology, presso la Galleria delle Vittorie.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati