AUGUSTA (SIRACUSA) – Controlli capillari nel mercato rionale di Augusta, precisamente in zona Borgata, e sequestro di circa 30 chili di pesce non tracciabile. Gli uomini della capitaneria di porto-guardia costiera hanno effettuato un controllo di polizia a un mercato rionale in località Sacro Cuore.

In particolare, è stato sottoposto ad accertamento una rivendita di pescato, dove è stata riscontrata la presenza di diverse partite di prodotto ittico prive della documentazione che ne attestasse la provenienza. L’intero quantitativo di pesce è stato sottoposto sequestro, mentre al trasgressore è stata comminata una sanzione amministrativa di 4.500 euro, per violazione della normativa riguardante la tracciabilità dei prodotti ittici.

Il pescato è stato quindi sottoposto ad accertamento sanitario da parte di un medico veterinario appartenente al competente servizio dell’Asp, che non lo ha ritenuto idoneo al consumo umano, proprio perché di sconosciuta origine. I trenta chili di pesce sono stati distrutti e smaltiti.