Arrestato a Palermo Rotaru Ionit, romeno di 33 anni, con l'accusa di detenzione illecita di arma clandestina e ricettazione di armi. L'uomo aveva un vero e proprio arsenale in casa, a Borgo Vecchio. I poliziotti vi sono giunti a seguito di un ordinario controllo su strada: ieri pomeriggio, nella zona della Cala, una pattuglia della Mobile in servizio antiprostituzione ha notato l'uomo passare a bordo di un ciclomotore.

Dopo averlo fermato, gli agenti hanno rinvenuto addosso a Rotaru due cartucce calibro 22. Lui si è giustificato dicendo di averle trovate in strada, ma la spiegazione non ha convinto gli agenti, che hanno effettuato una perquisizione nella sua casa. Qui c'era un arsenale comprendente un fucile (risultato rubato), una pistola a salve (modificata nella canna, in modo che sparasse mortalmente), numerosi fucili ad aria compressa, pistole giocattolo, balestre, coltelli, pugnali, razzi e centinaia di cartucce. Sono in corso indagini per accertare eventuali reati compiuti con le armi ritrovate.