È tutto pronto per Ballarò Buskers, il festival internazionale dedicato alle arti di strada di Palermo. Appuntamento da venerdì 19 a domenica 21 ottobre nel cuore del capoluogo siciliano. L’evento, per tre giorni, cambierà il volto del quartiere conosciuto in tutto il mondo grazie al suo suggestivo mercato all’aperto, uno di quelli storici della città.

Gli artisti invaderanno strade, piazze, monumenti e spazi di Ballarò. Tra ‘abbanniate’ e coppi di frutta fresca, tutti i protagonisti animeranno il mercato, emozionando grandi e piccoli. Ballarò, così, diventerà un piccolo carillon dal quale appariranno saltimbanchi, bande musicali, giocolieri, acrobati, attori.

Ballarò Buskers propone un modo diverso e nuovo di vivere il mercato storico con entusiasmo e voglia di meravigliare. Coinvolgerà artisti internazionali, abitanti del quartiere Albergheria e la città di Palermo intera. È la perfetta occasione per vivere il cuore pulsante del capoluogo, perdersi tra i vicoli e lasciarsi conquistare dagli spazi.

Oltre 50 artisti daranno vita alla manifestazione: teatranti, circensi, bande, acrobati, musicisti e cartomanti, italiani e internazionali. I luoghi interessati da Ballarò Buskers sono cinque piazze, giardini, strade e monumenti: questi diventano palcoscenico privilegiato. Intorno a Ballarò si animeranno tutti i vicoli e lo stesso mercato ospiterà artisti e performance.

Ballarò Buskers programma

Il festival è un’iniziativa di SOS Ballarò, con il patrocinio del Comune di Palermo e la collaborazione di diverse realtà che operano nel quartiere, con lo scopo di rivalutare e restituire ai suoi abitanti uno dei quartieri più antichi.

Nei giorni del BB Festival sarà allestito in modo innovativo e suggestivo per ospitare gli spettatori e gli artisti locali e internazionali che hanno risposto all’appello: invadiamo con l’arte Ballarò.

L’Albergheria è uno dei quattro mandamenti storici di Palermo, il cui nucleo storico e folkloristico è il mercato storico. Un luogo simbolo di accoglienza e integrazione. Sono circa sedici i Paesi di provenienza degli abitanti del quartiere. Da qui nasce un meltin’pot di culture, colori, cibi e profumi che convivono pacificamente. Siamo in un luogo affascinante che non lascia indifferenti turisti e cittadini.

Negli ultimi anni sono tante le associazioni, i movimenti, le cooperative e i circoli che hanno deciso di aprire la propria sede nel quartiere, trasformandolo in un laboratorio di integrazione e innovazione. Così, il rione è diventato sede di nuove reti e commistioni, di un cambiamento culturale moderno in una cornice millenaria.

Per il programma completo, clicca qui.

Foto Pagina Facebook Ballarò Buskers