Un altro benzinaio picchiato e rapinato a Palermo. Quello che si è consumato la scorsa notte al distributore Eni di viale Venere è un vero e proprio assalto, con tanto di passamontagna e coltello. Tre uomini sono arrivati a bordo di un'auto bianca; uno è rimasto a bordo col motore acceso, mentre gli altri sono due sono passati all'azione.

Il dipendente della struttura, H.I., un 34enne originario del Bangladesh, è stato minacciato con il coltello. I rapinatori, manco a dirlo, volevano mettere le mani sull'incasso. La vittima è stata colpita con dei pugni sul viso che lo hanno tramortito e fatto cadere per terra; a quel punto i malfattori si sono impossessati del suo portafogli in cui c'erano 250 euro.

Le telecamere del distributore hanno ripreso tutto, e le immagini adesso sono a disposizione delle forze dell'ordine che le stanno vagliando. Gli agenti di polizia arrivati in viale Venere hanno trovato la vittima sanguinante; è stato necessario l'intervento del 118 per trasportarlo all'ospedale di Villa Sofia. Per lui trauma cranico facciale e diverse contusioni.

Le ricerche dei malviventi sono state avviate in tutta la zona, da Partanna Mondello a Pallavicino e fino allo Zen 2, in direzione del quale la banda sarebbe fuggita.


Fonte: PalermoToday