BiAGIO cONTE

Biagio Conte (Palermo, 1963) è un missionario, laico. Ha dato vita alla "Missione di Speranza e Carità", per cercare di rispondere alle drammatiche situazioni di povertà ed emarginazione della sua città natale.

Inizia precocemente a lavorare nell'impresa edile della sua famiglia, ma a causa di una profonda crisi interiore decide di vivere come eremita, ritirandosi nelle montagne dell'entroterra siciliano e visitando in un secondo momento la città di Assisi. Torna quindi a Palermo per salutare i familiari, con l'intenzione di trasferirsi in Africa come missionario, ma lo stato di miseria in cui ritrova la sua città lo porta a cambiare idea.
In un primo momento è attivo nel portare conforto ai senzatetto della Stazione Centrale, per i quali si batte attraverso diverse proteste ed un digiuno, grazie al quale ottiene l'utilizzo di alcuni locali in via Archirafi, all'interno dei quali fonda nel 1993 la "Missione di Speranza e Carità"

La Missione è un luogo di sostegno in cui è possibile dormire, mangiare e contribuire concretamente, offrendo la propria disponibilità lavorativa al servizio della comunità; ogni comunità è dotata di cucina e mensa autonome dove vengono distribuiti tre pasti al giorno, è attivo inoltre un forno che garantisce il pane per il fabbisogno delle tre comunità. È dotata, inoltre, di ambulatori medici con medici volontari che garantiscono le prestazioni mediche di base (convenzione ASL con ricettario medico) e assistenza farmaceutica. La Missione inoltre fornisce assistenza a tante famiglie indigenti di Palermo con beni di prima necessità e latte pediatrico per i neonati. Contemporaneamente, è attivo un servizio di missione notturna: si tratta di incontri serali di contatto con persone emarginate (tossicodipendenti, senzatetto, prostitute). È previsto un ampliamento dell'attività missionaria a Giacalone, rivolta all'assistenza di donne e bambini maltrattati.
Nel dicembre 1998 viene aperta presso l’ex convento di S.Caterina l’accoglienza femminile, destinata a donne singole e mamme con bambini. Nel 2002, a seguito dell’emergenza profughi, viene aperta la terza comunità della Missione “La cittadella del povero e della speranza” presso l’ex caserma dell’Aereonautica di via Decollati.

Per conoscerlo meglio andate nel sito www.pacepace.org