La maestra le aveva chiesto di inventare una storia e scriverla, ma le frasi messe nero su bianco da quella bimba di 8 anni erano fin troppo convincenti. Così sono iniziate le indagini, sfociate nel processo che ha portato alla condanna del padre: l'uomo dovrà scontare 8 anni di carcere.

La bimba ha descritto gli abusi subiti dal genitore dopo che questi si era separato dalla mamma. Mezze frasi che hanno raccontato una storia troppo convincente, al punto da fare arrivare il suo tema ai carabinieri e ai magistrati. Nel computer del padre sono stati trovati i primi riscontri: foto pornografiche e i volti di pornostar e modelle sostituiti con il volto di un'altra figlia, la sorellastra della bimba di 8 anni.

Dalle indagini è emerso che il padre avrebbe addirittura legato la bambina sul letto, per poi palpeggiarla su tutto il corpo. Episodi che sono rimasti impressi nella mente della bambina che dopo il tema è riuscita a rivelare altri aspetti scioccanti. Oltre alla condanna, il padre dovrà anche risarcire la figlia con 40.000 euro, mentre 10.000 euro andranno alla sorella della bambina. Il giudice lo ha inoltre interdetto dai pubblici uffici e gli sarà impedito di svolgere lavori o ricoprire incarichi che lo mettano a contatto con i minori. La vicenda ha avuto luogo a Chivasso, provincia di Torino.