Ikea pagherà un risarcimento totale di 50 milioni di dollari alle famiglie di tre bambini che sono stati uccisi negli Stati Uniti a causa del ribaltamento di una cassettiera venduta dal gigante svedese dei mobili componibili (qui i dettagli). Il denaro sarà diviso equamente tra le tre famiglie, ha spiegato lo studio legale "Feldman Pastore" di Philadelphia.

Ikea, inoltre, donerà ulteriori 250.000 dollari a ospedali per bambini e a un gruppo no-profit per la sicurezza dei bambini incentrato sulla prevenzione. Quattro decessi sono stati associati alle cassettiere modello 'Malm', già oggetto di un richiamo da parte di Ikea.

"Le cassettiere richiamate sono instabili, se non adeguatamente ancorate al muro, e presentano un grave rischio di ribaltamento e intrappolamento che può causare la morte o lesioni ai bambini", ha spiegato l'azienda.