Cosa ci fa la brioscia siciliana sul quotidiano spagnolo El Mundo? Per dare una risposta, dobbiamo raccontarvi la storia di Valentina Ciardulli e dell’attività che ha aperto nel Mercato Antón Martín di Madrid. Mettetevi comodi, perché c’è davvero tanto da dire.

La brioche con il tuppo è un vero e proprio must della cucina siciliana. Un impasto soffice, da farcire con ripieni dolci e salati. Il profumo è inconfondibile, così come il sapore. Dà il meglio di sé con un ripieno di gelato e panna, ma anche da sola è proprio speciale.

Brioscia Siciliana superstar a Madrid

La brioscia siciliana è così speciale da aver spinto Valentina Ciardulli a preparare briosce artigianali, farcendole non solo in modo dolce, ma anche con mortadella, salmone e polpette. Dei veri e propri “panini” dal gusto siculo.

Valentina ha origini napoletane e vive a Madrid dal 2015: “Nella mia città le bancarelle di street food sono molto comuni e ho pensato che qui potessero funzionare”, ha raccontato a El Mundo. Ha cercato un nome potente e originale per la sua attività. “Volevo che fosse qualcosa di spagnolo. E che avesse la parola arco, che è il significato di tuppo“, ha spiegato. “Un amico ha fatto centro: Moñetes. Mi è piaciuto”.

Valentina Ciardulli e le sue Moñetes

Così ha aperto una piccola bancarella nel settembre del 2019, nel Mercato Antón Martín di Madrid: “Mi è piaciuta molto l’atmosfera del mercato”. L’attività a marzo a causa della pandemia e ha riaperto a settembre per dare impulso agli affari. Era il suo primo progetto da imprenditrice, racconta questa chef.

Prima di stabilirsi a Madrid ha lavorato al ristorante Palazzo Petrucci (una stella Michelin) a Napoli. “Volevo fare qualcosa di ottima qualità”, ha detto. Le sue brioches vengono impastate giornalmente al banco , e sono accompagnate sia da prodotti di stagione che da creme per gustare la versione dolce. Hanno tutte un nome di donna.

Brioscia col tuppo dolci e salate: i gusti

“Manuela è la star delle vendite. Ha mortadella, burrata, patè, scorza di limone e basilico“, ha raccontato. Il menu prevede cinque moñetes salate, del costo di 5 euro ciascuna, e altre due a 7 euro (con salmone e pastrami). Nella versione dolce ci sono 4 varietà (a 2,5 euro ciascuna). “Le melanzane, il pomodoro, la maionese… faccio tutto io”, ha spiegato.

Nella Margherita ci sono melanzane affumicate, feta, maionese al basilico e pomodoro secco. L’ha creata in onore della nipote, nata all’inizio del progetto. “È metà italiana e metà greca, da qui il mix”. Filomena è “un omaggio alle donne italiane“: è farcita con polpette e salsa di pomodoro fatta in casa.

Valentina ha spiegato che non può “lavorare senza passione”. Ha fatto mille prove, fino a quando non ha trovato la brioche “perfetta”, che si sposava bene con il dolce e il salato. “Volevo un prodotto facile da identificare, ricco e semplice da mangiare in un parco o in un ufficio. Qui in Spagna, al di là del panino al prosciutto, non c’è una grande varietà”.

Il progetto è partito e ha venduto 150 briosce in un giorno. Ancora una volta la cucina siciliana e le sue specialità dimostrano di non conoscere confini. Merito di una solida tradizione, che ha sempre saputo miscelare gli ingredienti in modo eccellente.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati