È morto oggi 28 settembre, all’età di 64 anni, Bruno Arena del duo comico dei Fichi d’India. Era nato a Varese, ma aveva origini messinesi per parte di padre. L’attore è diventato noto nel mondo dello spettacolo attraverso il sodalizio artistico con Max Cavallari.

Bruno Arena dei Fichi d’India è morto

A dare notizia della morte di Arena sui social, l’amico Paolo Belli: ha condiviso su Facebook la foto di un loro abbraccio con il commento “Rip in pace, amico mio”. L’attore, che componeva i Fichi d’India insieme al collega Max Cavallari, era lontano dalle scene da diverso tempo a causa di una malattia.

Nel 2013 Bruno Arena ebbe un’emorragia cerebrale, che lo costrinse a un’operazione d’urgenza e a stare lontano dai riflettori. Era nato  il 12 gennaio del 1957, a Varese, e aveva origine messinese per parte di padre. Aveva iniziato a lavorare come insegnante di educazione fisica, muovendo in contemporanea i primi passi nel mondo dello spettacolo, come animatore turistico.

A causa di un incidente automobilistico, nel 1984 aveva parzialmente perso la vista da un occhio. L’incontro con Max Cavallari è avvenuto nel 1984: insieme hanno formato i Fichi d’India e, dopo la gavetta nei locali di tutta Italia, sono approdati su Italia 1, prendendo parte alla trasmissione “Yogurt”, successivamente su Radio Deejay.

Dopo la partecipazione a “La sai l’ultima” su Canale 5, il duo ha avuto grande successo con “Zelig”, show che li vedeva grandi protagonisti nelle prime edizioni. Per loro, diverse esperienze anche al cinema. Nell’aprile 2014 Bruno Arena, tifoso dell’Inter, era riapparso in un pubblico, allo stadio San Siro, per la partita tra i nerazzurri e il Bologna.

Non ero pronto… ma tanto non lo sarei mai stato… Buon viaggio papà… lasci un vuoto immenso”, ha scritto il figlio Gianluca che, come il padre, ha intrapreso la carriera nel cabaret.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia