Decine di passeggeri di un volo Ryanair sono stati portate in ospedale e poi dimessi a causa di forti nausee, in seguito a un atterraggio non programmato in Germania. Il pilota del volo, partito da Dublino e diretto a Zara (Croazia), ha deciso di atterrare a Francoforte dopo un calo di pressione in cabina.

Stando a quanto riferito dalla polizia tedesca, 33 dei 189 passeggeri a bordo si sono lamentati di mal di testa, dolore alle orecchie e nausea, ma tutti sono stati in grado di ripartire. È stato programmato un volo sostitutivo per portare i passeggeri in Croazia.

Ryanir ha spiegato che a bordo del 737-800 sono state utilizzate le maschere ad ossigeno e che l’apparecchio ha realizzato una discesa controllata. Non è ancora noto cosa abbia provocato la depressurizzazione: "E' qualcosa che dovranno chiarire gli specialisti, ci vorrà del tempo", ha detto un portavoce della polizia tedesca.

Dal canto loro, i passeggeri si sono lamentati per il modo in cui sono stati trattati. Ad esempio, la spagnola Minerva Galvan Domenech ha detto allo Spiegel online che «i passeggeri, alcuni dei quali sanguinanti dalle orecchie, dalla bocca o dal naso, hanno dovuto aspettare 45 minuti prima di poter lasciare l’aereo». «Molti hanno dovuto passare la notte all’aeroporto», ha aggiunto. Ryanair, da parte sua, ha detto che i passeggeri hanno ricevuto dei buoni di ristoro, ma ha ammesso c'è stata «una penuria di alloggi disponibili».

Conor Brennan ha invece dichiarato al quotidiano Irish Times che «lo staff dell’aeroporto tedesco e la Croce Rossa hanno fatto del loro meglio per gestire la situazione, visto che Ryanair non si vedeva da nessuna parte». «Hanno davvero mostrato una scioccante mancanza di empatia nei confronti dei loro clienti, quasi al confine con disumanità».

GUARDA IL VIDEO