Nella cattedrale Santa Maria La Nova di Caltanissetta, durante la messa del giovedì santo, celebrata dal vescovo di Caltanissetta Mario Russotto, è stato consacrato l’olio santo che sarà utilizzato dalla chiesa siciliana nel corso dell’anno liturgico.

Il questore di Caltanissetta Emanuele Ricifari ha consegnato al vescovo l’olio ricavato dalla frangitura delle olive prodotte dagli alberi piantati nel Giardino della Memoria vicino la stele di Capaci, dove fu ucciso il giudice Giovanni Falcone, e dedicati ciascuno ad un caduto delle istituzioni per mano mafiosa.

L’olio della memoria, nato dal lavoro e dal sacrificio della comunità palermitana, raggiunge così tutti gli angoli della Sicilia, portando con sé un rinnovato messaggio di speranza e pace. Quest’anno ricorre il trentesimo anniversario delle stragi mafiose di Capaci e via D’Amelio, dove persero la vita i giudici Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e Francesca Morvillo e i poliziotti incaricati della loro tutela Antonio Montinaro, Rocco Di Cillo, Vito Schifani, Agostino Catalano, Eddie Walter Cosina, Vincenzo Li Muli, Claudio Traina ed Emanuela Loi.

Nel luogo dove avvenne la tremenda esplosione del 23 maggio 1992, in particolare dove l’auto con i tre agenti di scorta che persero la vita fu catapultata, oggi sorge un giardino curato dall’associazione Quarto Savona 15 (sigla radio dell’auto di scorta), animata da Tina Montinaro, vedova del capo scorta.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati