CANICATTI' (AGRIGENTO) – È stato trovato morto in una stanza d'albergo B.P., un rappresentante di 30 anni di Catania. Era rimasto a dormire a Canicattì, in provincia di Agrigento, in attesa di completare il consueto giro dei clienti. L'uomo era arrivato martedì sera e aveva preso una camera nel solito albergo. Dopo una nottata tranquilla, nella mattinata il tragico ritrovamento: il corpo era riverso prono sul letto.

Sul cadavere non c'erano segni da colluttazione. Il medico legale che ha effettuato l'ispezione cadaverica si è sbilanciato su un punto: il 30enne era già morto da qualche ora, dal momento in cui è stato ritrovato. Dopo altri accertamenti e indagini, il medico legale ha accertato che sul corpo della vittima non c'erano segni di violenza, né di arma da taglio, né di overdose da stupefacenti, né da strangolamento.

Nelle ore immediatamente successive la conferma: il decesso è stato causato da un aneurisma cerebrale. Per questo non sarà effettuata l'autopsia.